Di qui a cinque anni

La pièce, tratta dal dramma omonimo “Asì que pasen cinco años” (1931) di Federico Garcia Lorca – una delle opere meno conosciute e rappresentate del poeta spagnolo – offre al pubblico italiano un testo molto intrigante e coinvolgente.

La mise en scène, grazie all’ausilio di nuove e tradizionali tecnologie, propone un’ottima concezione sincretica tra i diversi registri espressivi  (danza, musica, parola e immagini) e regala allo spettatore  un viaggio sospeso tra Sogno e Realtà, in cui alla dimensione acustico-visiva  volutamente dilatata  si contrappone l’inesorabile scorrere del tempo, marcato dal continuo ticchettio delle lancette.

Sulla scena, una sola attrice si muove in dimensioni parallele e, all’interno di ambienti virtuali creati dagli schermi (boschi, spiagge, salotti, etc…) che ampliano lo spazio scenico, balla canta e interagisce con attori in video, in uno scambio di battute che non ammette errori e sbavature.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il ritmo della musica amplifica le atmosfere surreali e, scandendo i passaggi emotivi dell’interprete, ci trasporta adesso in un mondo onirico, adesso in un mondo reale.

Presentazione

Scheda Tecnica

Di qui a cinque anni – videoclip

Articolo di Milena Locatelli per la rivista SIGNA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...